Antonello Di Gennaro
Editorial and Corporate Photographer

search

pages

FotoMVSEVM – Ken Damy / Pino Settanni

LOCANDINA_KEN_DAMI_SETTANNI_01.jpg34119093_432068057255420_4370539577740361728_n.jpg34340343_43330_0465520_9065996102892781568_n.jpgkd01.jpg34383955_432264340569125_6321099958766272512_n.jpgkd02.jpg34135757_432056490589910_4859299576055595008_n.jpg34162895_432260897236136_8974105724271460352_n.jpg

Fondazione SoutHeritage e Museo per la Fotografia Contemporanea Pino Settanni in collaborazione con FIOF Basilicata e CNA Basilicata presentano secondo appuntamento di FotoMVSEUM l’osservatorio SoutHeritage dedicato alla fotografia.
FotoMVSEVM: Ken Damy / Pino Settanni

Inaugurazione: 31 maggio 2018 ore 19,00
Sarà presente l'autore Ken Damy

Mostra a cura Carla Cantore e Antonello Di Gennaro
Matera International Photography

Periodo: 31 maggio - 01 settembre 2018
Orari: dal martedì al sabato dalle ore 16:00 alle ore 20:00
Museo per la Fotografia Contemporanea Pino Settanni, Matera
Ingresso libero


Dalla volontà di fare rete con altre realtà del territorio e dalla propensione alla collaborazione e alla condivisione che da sempre contraddistingue le attività SoutHeritage, la fondazione, in una delle fasi più dinamiche della città di Matera (Capitale Europea della Cultura 2019), ha lanciato un calendario di appuntamenti dedicati alla fotografia e alla dinamizzazione e reinterpretazione della collezione del Museo per la Fotografia Contemporanea – Pino Settanni.
La collaborazione tra la Fondazione SoutHeritage e il Museo conferma questa attitudine che è diventata il punto di partenza per una serie di appuntamenti dedicati al medium della fotografia e alla sensibilizzazione del pubblico, grazie ad un articolato programma di mostre dedicate a significativi autori contemporanei nazionali e internazionali.
FotoMVSEVM è il programma redatto da Angelo Bianco come primo progetto di questa partnership. Una serie di esposizioni temporanee in successione dedicate alla fotografia, si alternano in uno degli spazi espositivi più prestigiosi della città di Matera: i magazzini granari di Palazzo Viceconte, un complesso architettonico di pregio situato nel cuore dei Rioni Sassi - Patrimonio Unesco, i cui ambienti restaurati hanno reso disponibile una superfice di 400 metri quadri adeguata a spazio museale intitolato alla memoria del fotografo Pino Settanni.
Il secondo appuntamento del programma è una doppia esposizione dedicata rispettivamente a Pino Settanni* e Ken Damy* curata da Antonello Di Gennaro e Carla Cantore (Fiof - Fondazione Internazionale per la comunicazione visiva), che intende approfondire e valorizzare i percorsi artistici degli autori attraverso l’esposizione di più opere capaci di restituire ai visitatori i loro interessi tematici, le modalità progettuali, le pratiche e gli strumenti della loro produzione di immagini divenute riferimenti e espressioni di sensibilità e metodologie differenti del vedere attraverso la fotografia.

Secondo approcci originali e indipendenti, gli autori hanno spinto le loro ricerche fino alle fondamenta del fotografare, indagando le potenzialità dell’obiettivo quale mezzo di relazione con la realtà, per osservarne e comprenderne le trasformazioni, ma anche per esprimere le proprie visioni interiori. Infatti, questa doppia esposizione, che si sviluppa in un percorso di oltre 70 lavori, mostra il dialogo fra i due fotografi (ma anche amici), in un interessante confronto fra le rispettive prime e ultime produzioni, fra diversità stilistiche e concezioni della fotografia come arte e pratica, ma anche come categoria dell’immagine al centro della sensibilità del nostro tempo.
Questo appuntamento del programma fotoMVSEVM, in collaborazione con FIOF Basilicata e CNA Basilicata, si avvale anche del prezioso supporto del MIP - Matera International Photography, un articolato progetto di valorizzazione e divulgazione della fotografia autoriale contemporanea legato alla promozione sul territorio di progetti formativi ed esperienziali legati ai temi della fotografia.

Press:
Artribune: FotoMVSEVM – Ken Damy / Pino Settanni
Giornalemio.it: Foto, passione e umiltà. Ken Damy con Pino Settanni
Radiolaser.it: Fondazione SoutHeritage e Museo per la Fotografia Contemporanea Pino Settanni in collaborazione con FIOF Basilicata e CNA Basilicata presentano: FotoMVSEVM: Ken Damy / Pino Settanni
Regione.basilicata.it: SECONDO APPUNTAMENTO DI FOTOMVSEUM, L’OSSERVATORIO DI FOTOGRAFIA
Sassilive.it: Fondazione SoutHeritage e Museo per la Fotografia Contemporanea Pino Settanni presentano “FotoMVSEVM: Ken Damy / Pino Settanni”

Ezio, il guardiano delle macerie di Nottoria (Norcia)

Immagini e testo di Antonello Di Gennaro. A Nottoria, frazione di Norcia, fra il 16 e il 22 agosto 2017
Non ci sono più abitanti a Nottoria, frazione di Norcia devastata dal terremoto del 30 ottobre 2016. L’unico rimasto a custodire le macerie è un ex pastore ora pensionato di 65 anni, Ezio. Sposato, la moglie vive attualmente in un albergo vicino Perugia e ritornerà con la figlia non appena pronta la nuova “sistemazione”.
Abita in due roulotte, vicino alla “Pianta”, come la chiama lui, una maestosa quercia di 750 anni. Non importa che non ci viva più: Ezio non vuole saperne di allontanarsi dalla sua vecchia casa, lesionata e pericolante, con gravi lesioni strutturali. Neppure i carabinieri sono riusciti a evacuarlo. La tenacia e l’attaccamento alla sua terra lo hanno reso unico, ed è riuscito a ottenere l’edificazione di una casetta, di 60 metri quadrati per il suo nucleo familiare ed altre due per altrettante famiglie, nel luogo dove le roulotte sono state parcheggiate dopo il 30 Ottobre 2016. Finché a ad agosto le due roulottes sono state spostate per far posto alle ruspe per l’effettivo inizio del cantiere.
In compagnia di una bottiglia di vino e di Fabrizio, una capra, passa le sue giornate nei ricordi di un tempo passato, immerso nelle immagini della madre e del padre, pastore come lui, morto a 90 anni. Si aggira tra le rovine del suo amato ed antico borgo, come una sorta di custode di una memoria ridotta in frantumi.
Alcuni mesi fa, rischiando la propria vita, racconta, ha tentato invano di fermare alcuni malviventi durante il furto di un antico quadro da una delle due chiesette squarciate dal sisma.. Oggi aspetta con ansia il momento dell’arrivo della nuova casa per ritrovare l’unione con la sua famiglia. Il dolore, la sofferenza, il terrore della terra che non smette di tremare lo hanno reso fragile e il pianto scorre facile sul suo volto scavato dal sole mentre mi accompagna fra le rovine di Nottoria.

ADG_Norcia_2017_Ezio_4.jpgADG_Norcia_2017_Ezio_3.jpgADG_Norcia_2017_Ezio_15.jpgADG_Norcia_2017_Ezio_1.jpgADG_Norcia_2017_Ezio_26.jpgADG_Norcia_2017_Ezio_25.jpgADG_Norcia_2017_Ezio_2.jpgADG_Norcia_2017_Ezio_6.jpgADG_Norcia_2017_Ezio_12.jpgADG_Norcia_2017_Ezio_9.jpgADG_Norcia_2017_Ezio_7.jpgADG_Norcia_2017_Ezio_8.jpgADG_Norcia_2017_Ezio_13.jpgADG_Norcia_2017_Ezio_10.jpgADG_Norcia_2017_Ezio_14.jpgADG_Norcia_2017_Ezio_16.jpgADG_Norcia_2017_Ezio_17.jpgADG_Norcia_2017_Ezio_18.jpgADG_Norcia_2017_Ezio_23.jpgADG_Norcia_2017_Ezio_19.jpgADG_Norcia_2017_Ezio_20.jpgADG_Norcia_2017_Ezio_21.jpgADG_Norcia_2017_Ezio_22.jpgADG_Norcia_2017_Ezio_27.jpgADG_Norcia_2017_Ezio_24.jpg

search

pages

loading